Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • CENTRO SONNO PER LE DONNE
    Premio Best Practice al Centro Sonno di Auxologico
    Approfondisci
  • MEDA: LE LEZIONI DI AUXOLOGICO A UNITRE
    Il programma per il 2017
    Approfondisci
  • NUOVO SERVIZIO: Auxolab Prevenzione
    Pacchetti di Prevenzione. Esami di Laboratorio.
    Approfondisci



Obesità infanto-adolescenziale: le strategie di contrasto

Obesità infanto-adolescenziale: le strategie di contrasto.

 22 settembre 2016
Centro di Ricerca e Cura dell’Invecchiamento - Via Mosè Bianchi, 90 - Milano

L’obesità infanto-adolescenziale rappresenta una delle più gravi questioni del XXI secolo. La sua prevalenza ha raggiunto livelli preoccupanti anche nel nostro Paese, ma la gravità del problema è amplificata dal fatto che i bambini obesi hanno un rischio elevato di diventare a loro volta adulti obesi. Questa situazione epidemiologica richiede lo sviluppo prioritario di efficaci strategie nazionali per la prevenzione, la cura e la riabilitazione di questa malattia sociale.

La presa in carico del bambino e dell’adolescente obeso è definita da linee guida, dettate da Società scientifiche sulla base della più recente letteratura, che tengono conto anche della gestione delle principali complicanze a cui vanno incontro questi piccoli pazienti.

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una progressiva evoluzione nell’approccio terapeutico-riabilitativo all’obesità, che si è mosso dai modelli cosiddetti statici, caratterizzati da interventi stabiliti in base al grado di obesità, verso modelli “integrati” più dinamici, che prevedono livelli successivi di intervento, definiti oltre che sulla base del grado di obesità, anche in relazione alle patologie associate ed al rischio metabolico del singolo individuo.

I modelli assistenziali proposti evidenziano la necessità di creare una fitta rete specialistica ambulatoriale e ospedaliera sul territorio e di istituire centri altamente specializzati di secondo livello (hub) per fare fronte alla gravità e vastità epidemica del fenomeno obesità, che dovranno operare in stretta collaborazione con i pediatri di famiglia.

Visualizza la locandina con il programma completo

Iscriviti

(22 September 2016)