Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • CENTRO SONNO PER LE DONNE
    Premio Best Practice al Centro Sonno di Auxologico
    Approfondisci
  • MEDA: LE LEZIONI DI AUXOLOGICO A UNITRE
    Il programma per il 2017
    Approfondisci
  • NUOVO SERVIZIO: Auxolab Prevenzione
    Pacchetti di Prevenzione. Esami di Laboratorio.
    Approfondisci


Medicina e Riabilitazione Cardiovascolare



Ricerche in Medicina e Riabilitazione Cardiovascolare

Le ricerche in quest'area riguardano la medicina cardiovascolare nei suoi vari momenti, di prevenzione primaria e secondaria, di diagnosi e terapia degli episodi acuti, per la migliore comprensione dei meccanismi genetici e molecolari, ambientali, fisiopatologici e immunologici che portano alle patologie che necessitano di riabilitazione.

Questo approccio di ricerca è anche mirato all'ottimizzazione delle metodologie e degli obiettivi della riabilitazione cardiovascolare, soprattutto degli esiti di cardiopatia ischemica e dell'insufficienza cardiaca.

Le patologie oggetto principale delle nostre ricerche in quest'area sono:

1.    Ipertensione arteriosa e prevenzione cardiovascolare
2.    Scompenso cardiaco
3.    Aritmie cardiache ed elettrofisiologia
4.    Malattia coronarica
5.    Cardiomiopatie
6.    Vasculiti autoimmuni
7.    Genetica cardiovascolare
 
Le nostre ricerche cardiovascolari sono un’area in cui il nostro Istituto, Centre of Excellence della Società Europea dell’Ipertensione,  è punto di riferimento internazionale.

Gli obiettivi principali di queste ricerche sono:

  • Le metodologie di misura della pressione arteriosa, e in particolare le variazioni nel tempo della pressione. In questo ambito, è in corso l’organizzazione di un trial internazionale di valutazione comparativa dell’efficacia della terapia antipertensiva guidata dal monitoraggio della pressione per 24 ore rispetto alle misurazioni tradizionali da parte dei medici (studio MASTER).
  • Il danno d’organo associato all’ipertensione (ipertrofia cardiaca e scompenso cardiaco, aterosclerosi coronarica e carotidea, insufficienza renale e proteinuria, danno cerebrovascolare e cognitivo).
  • La prognosi, i meccanismi e la terapia delle apnee notturne dell’iperteso, dell’obeso e del paziente in scompenso cardiaco.
  • I progressi nella valutazione funzionale del paziente con scompenso cardiaco, con studi pilota, a livello internazionale, su nuovi device impiantabili per il monitoraggio della pressione arteriosa polmonare e sui progressi terapeutici legati a questi nuovi metodi.
  • Tra le aritmie cardiache, oltre agli studi sulla più frequente aritmia nell’anziano (la fibrillazione atriale), una serie di studi di fama internazionale riguardano alcune aritmie familiari su base genetica.
  • Tra le cardiomiopatie, è attivo un programma di ricerche collaborative multidisciplinari sulla genetica, la diagnosi e la terapia delle cardiomiopatie ipertrofiche.
  • Nell’area delle vasculiti autoimmuni, le ricerche degli immunologi clinici del nostro Istituto sulla sindrome da anticorpi antifosfolipidi (che determinano trombosi recidivanti e abortività ricorrente) sono di riferimento in campo internazionale e hanno portato all’individuazione delle sottopopolazioni anticorpali responsabili della patologia e a nuovi test diagnostici.



(2016-02-22 14:07:31)