Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • SOLE SULLA PELLE, SOLE SULLE OSSA I PRO E I CONTRO
    CHIACCHIERATA CON IL PUBBLICO - 21 GIUGNO 2017
    Approfondisci
  • UN NUOVO GENE ENTRA NEL PUZZLE DELLA SLA
    IL 34ESIMO GENE ASSOCIATO ALLA SLA
    Approfondisci
  • LA CREATIVITA’ DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI DEL VCO
    IMMAGINA E DISEGNA IL “PAESE PER CRESCERE SANI”
    Approfondisci


Osso in salute: bambini e adolescenti



 
Ne parliamo con la Dott.ssa Maria Luisa Bianchi, direttore del "Laboratorio sperimentale di ricerche sul metabolismo osseo infantile", coautrice di una recentissima pubblicazione scientifica sull’argomento.
 
Salute dell’osso nei bambini  e negli adolescenti. Perché è così importante?
I primi due decenni di vita sono un momento fondamentale per il futuro dell’osso, perché sono gli anni in cui si accumula il capitale osseo che servirà per tutta la vita.
Il livello di mineralizzazione ossea, l’ accumulo di sali di calcio nell’osso e la qualità della struttura ossea dipendono da ciò che avviene durante la crescita e lo sviluppo.
La maturazione scheletrica termina fra i 25 e i 30 anni di età. A questo punto, l’individuo ha raggiunto il suo picco di massa ossea, cioè il massimo livello di accumulo di minerali nell’osso.
 
Cosa succede poi nell’età adulta?
Nell’età adulta, la massa ossea raggiunta potrà essere mantenuta a lungo in assenza di patologie e seguendo uno stile di vita corretto: buona alimentazione, niente fumo, attività fisica, ecc.
Con l’avanzare degli anni, in particolare dopo la menopausa nelle donne e dopo i 65 anni negli uomini, sarà inevitabile una perdita progressiva della densità ossea, più o meno lenta a seconda delle condizioni individuali. Ma è chiaro che chi parte da un elevato picco di massa ossea, a parità di altre condizioni, arriverà più tardi ai livelli di allarme di una ridotta mineralizzazione (osteopenia) o di un serio aumento del rischio di fratture da fragilità ossea (osteoporosi).
Per questo l’osteoporosi viene definita come la “malattia degli anziani che ha le sue radici nella giovinezza”.
 
Parliamo dei  fattori che determinano l’acquisizione della massa ossea. Quali sono?
Prima di tutto vi è l’eredità genetica, un fattore non modificabile.
Vi sono poi fattori ambientali modificabili, quali una sana e corretta alimentazione (apporti adeguati di calcio, fosforo, vitamina D, proteine in funzione dell’età ) e  una regolare attività fisica (importante il ruolo degli stimoli di forza muscolare e forza di gravità per l’accumulo di minerali e per l’irrobustimento dell’osso).
 
 
E gli strumenti diagnostici per valutare il rischio di fratture nei bambini?
La densitometria ossea DXA è l’esame attualmente più utilizzato nella cura e nella ricerca scientifica. Il limite di questa tecnica è la difficoltà di interpretazione dei risultati dell’esame nell’età della crescita. In questo periodo infatti la forma e le dimensioni delle ossa cambiano continuamente, per cui  valutare correttamente l’aumento o la diminuzione della densità dell’osso richiede un'esperienza specifica e particolari accorgimenti tecnici. 
Vi sono poi tecnologie più nuove e sofisticate,  come la tomografia computerizzata quantitativa periferica (pQCT). Oggi viene usata solo in ambienti di ricerca, ma in un prossimo futuro entrerà anche nella pratica clinica, in quanto permette di valutare anche la micro-architettura e la geometria ossea.
 
Gli studi internazionali sull’argomento.
Concludiamo la trattazione dell’argomento segnalando i riferimenti scientifici per i medici. la valutazione della salute dell'osso nei bambini e negli adolescenti è l'oggetto di una recentissima pubblicazione cui hanno contribuito 31 autori europei e nord-americani, tra cui (unica italiana) la dr.ssa Maria Luisa Bianchi  del nostro Istituto:

Bone Health Assessment in Pediatrics: Guidelines for Clinical Practice” (a cura di Aenor J. Sawyer, Ellen B. Fung, Laura K. Bachrach)

 Il libro affronta tutti gli aspetti del problema: il corretto utilizzo delle tecniche diagnostiche con la giusta interpretazione dei risultati, lo studio dei bambini con malattie invalidanti,  la valutazione del rischio di fratture, le fratture vertebrali e le loro possibili cause. Per concludere,  tratta degli strumenti più avanzati di ricerca, offrendo una visione sulle future prospettive degli studi scientifici.   
Si può leggere on line il primo capitolo del libro, proprio quello di cui è coautrice la Dott.ssa Bianchi:
https://www.amazon.com/Bone-Health-Assessment-Pediatrics-Guidelines/dp/3319304100/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1474063754&sr=1-1&keywords=3319304100



(2016-10-18 09:29:25)