Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • PONTI DI PRIMAVERA
    Aperture e chiusure: 25 aprile e 1 maggio
    Approfondisci
  • AUXOLOGICO - PROCACCINI
    Aperte le prenotazioni del Poliambulatorio
    Approfondisci
  • Nuovo Punto Prelievi AUXOLOGICO - PROCACCINI
    Aperto anche la domenica, dal 10 aprile a Milano
    Approfondisci


Insonnia e primavera



È primavera, ma non sono tutte rose e fiori.

Lo sa bene chi soffre di insonnia, che proprio nel periodo primaverile vede acuirsi questo disturbo. Le maggiori ore di luce, il cambiamento climatico e le allergie - protagoniste di risvegli notturni - sono fattori che esasperano questa condizione.

Ma non è tutto, come spiega la Dott.ssa Carolina Lombardi, Responsabile Servizio di Medicina del Sonno di Auxologico, in un’intervista al settimanale Nuovo: anche l’umore risente del cambio di stagione e chi soffre per esempio di ansia o stress, in questo periodo potrebbe incontrare maggiori resistenze ad addormentarsi, perché maggiormente eccitato.

QUANDO È OPPORTUNO PARLARE DI INSONNIA?

Nonostante la quantità di ore di sonno sia soggettiva e vari da persona a persona, sarebbe comunque bene dormire tra le 5 e le 10 ore per notte.

Detto questo, l’unità di misura dell’insonnia è sempre come ci si sente il giorno successivo: se si sta bene, se il sonno è stato comunque ristoratore, non c’è motivo di preoccuparsi.
Ma se si è stanchi, assonnati, distratti, se si fa fatica a raggiungere una buona concentrazione, probabilmente si è dormito troppo poco o male.

QUANDO DEVO CONSULTARE IL MEDICO?

Il singolo episodio o il protrarsi dell’insonnia per qualche giorno, spiega la Dott.ssa Lombardi, non sono significativi. Se invece la situazione si protrae per più di un mese di fila, si ha insonnia vera e propria e occorre parlarne con il medico di base.

COMBATTERE L’INSONNIA A TAVOLA

La lotta contro l’insonnia comincia a tavola: alimentarsi correttamente è fondamentale ed è la prima regola per conciliare il sonno.

·         Per non incappare nei crampi notturni, mangia grandi quantità di frutta e verdura che contengono vitamine e sali minerali.

·         Bere un bicchiere di latte prima di andare a dormire ti aiuterà ad addormentarti: il latte contiene triptofano, amminoacido che influenza il livello della serotonina, il neurotrasmettitore che agevola il sonno.

·         Evita pasti troppo pesanti o salati per non svegliarti più volte durante la notte.

·         Dopo le 16, evita caffè, tè e in generale bevande che contengono caffeina e cioccolato: si tratta di sostanze stimolanti che, come pure la nicotina delle sigarette, rendono più difficile prendere sonno.

STILI DI VITA CONTRO L’INSONNIA

L’attività fisica - ottima abitudine per mantenersi in salute - influenza però il sonno se praticata in orari inadeguati: in particolare è sconsigliato praticare sport dopo le 20:00 perché fa aumentare il livello di adrenalina nel sangue, con ripercussioni sul sonno.

Anche le condizioni ambientali in cui viviamo influenzano il sonno. Cellulari, tablet, televisori e computer ad esempio vanno spenti almeno un’ora prima di andare a letto: la luce prodotta da queste apparecchiature infatti fa calare il livello di melatonina, un ormone che ha un ruolo molto importante nel riequilibrare il ritmo sonno/veglia.

QUALCHE TRUCCO PER DORMIRE MEGLIO

·         Per favorire il sonno dovresti dormire in una stanza non troppo calda, con una temperatura tra i 18 e i 20 gradi, e ben oscurata; viceversa, dovresti stare il più possibile alla luce durante il giorno. In questo modo si contribuisce alla stabilizzazione della secrezione della melatonina.

·         Prova a farti un automassaggio alle tempie mezz’ora prima di addormentarti: ti aiuterà a rilassare la mente.

·         Un altro ottimo stratagemma è quello di fare una doccia calda la sera: l’acqua calda dilata le vene, abbassa la pressione e favorisce il rilassamento.

INSONNIA E FARMACI

Quando l’insonnia diventa debilitante, si può valutare l’ipotesi della terapia farmacologica. Gli ipnotici, comunemente detti sonniferi, sono i farmaci più comuni. Occorre però prenderli con estrema prudenza, nelle dosi indicate ed esclusivamente dietro prescrizione del medico specialista.

In primavera, a causare problemi di insonnia sono talvolta le allergie alle piante in fioritura: per risolvere il problema in questi casi basta un antistaminico.



(2017-04-14 14:21:01)